"Pochi conoscono la vostra vita, le vostre rinunce, i vostri sacrifici, sì, anche i vostri eroismi. I poeti in generale cantano le gesta dei guerrieri ed anche degli amanti, ma troppo poco quelle dei lavoratori, meno ancora le vostre gesta - quello che voi fate non per un giorno ma tutti i giorni in modo disinteressato - sempre in difesa dei vostri compagni di lavoro. Io non sono poeta e nemmeno scrittore, sono operaio come voi e ciò che posso esprimervi non è altro che ammirazione, profondo affetto e grande gratitudine."

(Giuseppe Sacchi,  IV Congresso della FIOM di Milano, febbraio 1960)

   La vita di Giuseppe Sacchi (Mediglia, 1917) avrebbe potuto imboccare sentieri diversi. Il ciclismo professionistico, la magra esistenza di immigrato italiano in Australia, la morte prematura sotto le bombe alleate, o per mano dei nazifascisti durante la Resistenza. Nessuna di queste prospettive si realizzò e ciò lo si deve in parte al caso e in parte alla volontà dello stesso Sacchi. Egli scelse la via della lotta politica e sindacale. Operaio metalmeccanico dall'età di 14 anni, fu, tra il 1958 e il 1964, segretario responsabile della FIOM di Milano, e poi parlamentare comunista per due legislature, dal 1963 al 1972. Da sindacalista, diresse nel capoluogo lombardo le agitazioni operaie più importanti del secondo dopoguerra, prime fra tutte la lotta degli elettromeccanici del '60-'61 e quella per il contratto di categoria del '62-'63. Da parlamentare, fu estensore, nel 1967, della prima proposta di legge sullo Statuto dei Lavoratori.

   Attraverso la sua vita, questo volume ripercorre le tappe, normative e di lotta, del cammino dei lavoratori italiani verso l'acquisizione di diritti più avanzati. La ricerca effettuata mette in risalto il legame indissolubile tra Sacchi, le vicende sindacali dei primi anni Sessanta e lo Statuto dei Lavoratori. In tal modo, inquadrando la questione da una prospettiva del tutto inedita, è possibile scoprire come realmente nacque lo Statuto, e come Sacchi contribuì a «costruirlo». Grazie all'analisi di documenti d'archivio, articoli di giornale e atti parlamentari, inoltre, viene qui trattata, più approfonditamente che nel passato, la storia dei metalmeccanici milanesi a cavallo tra anni Cinquanta e Sessanta.

   Il libro è stato pubblicato da Unicopli per l'Associazione Archivio del Lavoro di Sesto San Giovanni.

   Prefazione di Graziano Gorla, segretario della Camera del Lavoro di Milano. Postfazione di Maurizio Landini, segretario nazionale della FIOM.

LEGGI L'INTERVISTA

GIUSEPPE SACCHI  LO TROVI IN LIBRERIA

E SUL WEB QUI, QUI, QUI, QUI

 

La diffusione libera e gratuita della cultura è un valore civile. Cerca Giuseppe Sacchi nella biblioteca più vicina a te.